News

27/01/2016

Modificato il Piano di Tutela delle Acque Regionale

Con DRGV n. 1534 del 3/11/2015 la Regione Veneto ha modificato il Piano di Tutela delle Acque.

Relativamente alle acque meteoriche il PTA stabilisce che, se un’impresa è compresa all’interno dell’Allegato F (segue) del medesimo PTA e presso tale azienda vi è la presenza di:

  • piazzali con depositi di materiali e/o rifiuti scoperti
  • piazzali e/o parcheggi >5.000 mq
  • piazzali a servizio di autofficine >2.000 mq
  • tetti e coperture con la presenza di camini

ENTRO il 29/02/2016 il titolare dovrà effettuare una valutazione sull’eventuale contaminazione di tali acque meteoriche di dilavamento. In base al risultato della valutazione, andrà eventualmente stabilito un piano di adeguamento al PTA.

L’obbligo non sussiste se l’impresa risulta già in possesso di regolare autorizzazione allo scarico delle acque dei piazzali esterni.

 

IMPIANTI IN ALLEGATO F - PTA

- Impianti di combustione con potenza termica di combustione di oltre 50 MW.
- Raffinerie di petrolio e di gas.
- Cokerie.
- Impianti di gassificazione e liquefazione del carbone.
- Impianti di produzione e trasformazione dei metalli

2.1. Arrostimento o sinterizzazione di minerali metallici compresi i minerali solforati;

2.2. Produzione di ghisa o acciaio (fusione primaria o secondaria), compresa la relativa colata continua di capacità superiore a 2,5 Mg all'ora.

2.3. Trasformazione di metalli ferrosi mediante:

a) attività di laminazione a caldo con una capacità superiore a 20 Mg di acciaio grezzo all'ora;
b) attività di forgiatura con magli la cui energia di impatto supera 50 kJ per maglio e allorché la potenza calorifica è superiore a 20 MW;
c) applicazione di strati protettivi di metallo fuso con una capacità di trattamento superiore a 2 Mg di acciaio grezzo all'ora.

2.4. Funzionamento di fonderie di metalli ferrosi con una capacità di produzione superiore a 20 Mg al giorno.

2.5. Lavorazione di metalli non ferrosi:

a) produzione di metalli grezzi non ferrosi da minerali, nonché concentrati o materie prime secondarie attraverso procedimenti metallurgici, chimici o elettrolitici;
b) fusione e lega di metalli non ferrosi, compresi i prodotti di recupero e funzionamento di fonderie di metalli non ferrosi, con una capacità di fusione superiore a 4 Mg al giorno per il piombo e il cadmio o a 20 Mg al giorno per tutti gli altri metalli.

2.6. Trattamento di superficie di metalli o materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m³.

- Impianti di trattamento e rivestimento dei metalli.
- Impianti per la produzione di clinker (cemento) o di calce viva.
- Impianti per la produzione di amianto e la fabbricazione di pro-dotti dell’amianto.
- Impianti per la fabbricazione del vetro compresi quelli per la pro-duzione di fibre di vetro.
- Impianti per la fusione di sostanze minerali compresi quelli per la produzione di fibre minerali.
- Impianti per la fabbricazione di tegole, mattoni, mattoni refrattari, piastrelle.
- Industrie chimiche.
- Impianti di smaltimento e recupero di rifiuti.
- Impianti di produzione di pneumatici.
- Depositi di rottami.
- Centri di raccolta dei veicoli fuori uso.
- Impianti per la concia e/o tintura delle pelli e del cuoio.
- Impianti destinati alla fabbricazione di pasta per carta, carta e cartoni.
- Impianti per il trattamento di fibre tessili: operazioni di imbianchimento, mercerizzazione, stampa, tintura e finissaggio.
- Macelli aventi una capacità di produzione di carcasse di oltre 50 tonnellate al giorno.
- Impianti per l’eliminazione o il recupero di carcasse e di residui di animali con una capacità di trattamento di oltre 10 tonnellate al giorno.
- Impianti per il trattamento di superficie di materie, oggetti o prodotti utilizzando solventi organici, in particolare per apprettare, stampare, spalmare, sgrassare, impermeabilizzare, incollare, verniciare, pulire o impregnare, con una capacità di consumo di solvente superiore a 150 kg all’ora o a 200 tonnellate all’anno.
- Impianti per la fabbricazione di carbonio (carbone duro) o grafite per uso elettrico.
NEWS
Feed RSS Ecotest Ecotest su Facebook

2018 [+]

2017 [+]

2016 [+]

2015 [+]

2014 [+]

2013 [+]

2012 [+]

2011 [+]